MONOPOLI, tattica e curiosità. Tutto sul prossimo avversario del Catania

20.04.2017 09:39 di Veronica Celi Twitter:   articolo letto 1127 volte
MONOPOLI, tattica e curiosità. Tutto sul prossimo avversario del Catania

Il Monopoli vuole a tutti i costi la salvezza. Ha ripreso a marciare dal confronto esterno contro il Taranto, vinto per 1-0, interrompendo un'astinenza dai tre punti che durava dal 12 dicembre (all'Esseneto contro l'Akragas i biancoverdi si imposero per 2-1). Così gli uomini di Zanin intendono proseguire sulla scia del successo anche al cospetto del Catania, domenica alle 16.30, per uscire dal limbo dei playout, a cui sono ancorati a quota 37.

LUCI E OMBRE - L'attacco dice la sua... Troppo timidamente. Sono 38 i gol fatti. Abbondano i tiri dalla distanza, e le azioni solitarie, che portano, però, frutti scarsi in chiave realizzativa. Per non parlare dell'imprecisione sotto porta, vera e propria croce del reparto avanzato. Eppure il centrocampo gira a sufficienza. La fase di impostazione funziona, almeno finché regge il fiato. Si aggrediscono gli spazi. Si giocano tanti palloni, nonostante poi si sbagli l'ultimo passaggio o cross. E in copertura si coopera egregiamente con una difesa traforata, però, in 53 occasioni. Non tutto è comunque da buttare. Ultimamente, infatti, il settore arretrato ha ripreso in mano sicurezza e reattività. Fiato sul collo agli avversari, anche grazie a discese e sovrapposizioni provvidenziali. Furlan in porta ostenta interventi spericolati, ma spesso efficaci.

TATTICA - Insomma, il Monopoli concede poco, soprattutto in trasferta, perché tra le mura amiche vanta più sconfitte e pareggi che vittorie. Intanto il 4-3-3 di Zanin comincia a rendere come desiderato. Squadra ben messa in campo, col pallino del gioco per quasi tutti i novanta minuti. Difesa multitasking quella dei biancoverdi, con Esposito fisso al centro, e Mercadante che all'occorrenza può ricoprire il ruolo di terzino o esterno di centrocampo. Idem Bacchetti, che al "Veneziani" incontrerà la sua ex squadra, il Catania, con la quale l'anno scorso ha disputato appena un match. New entry sulla destra: Carissoni, giovane proveniente dalla primavera del Trapani, affamato e con tecnica da invidiare. In mediana trio collaudato: Nicolini (alla sua prima esperienza in Italia), Franco e Pinto (capace di arretrare sulla fascia se necessario). Se, però, negli altri reparti le gerarchie sono più o meno definite, in attacco si potrebbe assistere a un'alternanza di interpreti. Genchi e Montini dovrebbero essere confermati in quanto macchine da gol. Tentenna, invece, la posizione di Gatto dal momento che sia Vuthaj (reduce dall'avventura con la squadra albanese del Loci) che Mavretic (gioiellino di casa Monopoli, capace di figurare come ala, trequartista o punta centrale) scalpitano pur di aggiudicarsi una maglia da titolare.

PROBABILE FORMAZIONE - Allenatore: Diego Zanin

MONOPOLI (4-3-3): Furlan; Carissoni, Mercadante, Esposito, Bacchetti; Nicolini, Franco, Pinto; Gatto (Mavretic), Montini, Genchi.