SIRACUSA, tattica e curiosità. Tutto sul prossimo avversario del Catania

28.04.2017 09:23 di Veronica Celi Twitter:   articolo letto 1019 volte
SIRACUSA, tattica e curiosità. Tutto sul prossimo avversario del Catania

Prova ardua per il Catania domenica alle 14.30 al "Massimino". Lo sfidante sarà il Siracusa, la neopromossa che ha stupito tutti consolidando il quinto posto a 57 punti in piena zona playoff. Reduci dal 2-0 ai danni della Paganese, gli aretusei si preparano ad affrontare i rossazzurri, che sognano gli spareggi distanti appena tre lunghezze.

LUCI E OMBRE - Sono 46 i gol realizzati dalla compagine guidata da Sottil. Non un attacco stellare rispetto a quelli che bazzicano la parte alta della classifica. L'imprecisione sotto porta, infatti, resta una pecca. Perché non basta servire a dovere le punte. È necessario che queste la insacchino. Ciò non toglie che il gioco del Siracusa sia spumeggiante e aggressivo. La difesa, dal canto suo, rispetto all'inizio del campionato, ha migliorato tempi di chiusura e qualità degli interventi. Tanto che le reti subite sono 39. E la sicurezza maggiore.

TATTICA - Merito anche degli interpreti in rosa. Nelle retrovie, infatti, figura gente d'esperienza: Brumat, Turati, Cossentino, Malerba. Tutti coadiuvati in mediana da Spinelli, bravo anche in regia, e Toscano, che nonostante le poche presenze ultimamente è tornato in auge. Scalpita, però, Giordano, intrepido concorrente a centrocampo. Chissà se quindi il il tecnico degli aretusei, annoverato tra gli ex della gara (insieme a Russo, l'anno scorso al Catania), non decida di schierarlo al posto di uno tra De Silvestro (giocatore versatile abile anche come ala destra o seconda punta), Catania (bomber a quota 14 gol) e Valente. Intanto sembrerebbe confermato il fulcro offensivo della formazione: Scardina, che potrebbe sfruttare i suggerimenti provenienti dalle fasce per portare in vantaggio i suoi.

PROBABILE FORMAZIONE - Allenatore: Andrea Sottil

SIRACUSA (4-2-3-1): Santurro; Brumat, Turati, Cossentino, Malerba; Toscano, Spinelli; De Silvestro, Catania, Valente; Scardina.