CATANIA, quando l'assenza di Biagianti si fa sentire

29.11.2016 08:22 di Davide Villaggio  articolo letto 89 volte
CATANIA, quando l'assenza di Biagianti si fa sentire

La vittoria striminzita ai danni della modica Vibonese ha messo in evidenza, sebbene siano giunti i tre punti, come questa squadra sia dipendente da alcuni elementi che, in caso di loro assenza, creano non pochi problemi agli undici che scendono in campo. L'indisponibilità di capitan Biagianti ha vincolato mister Rigoli a dover optare per l'inserimento, dal primo minuto, dell'argentino Scoppa che, nelle ultime giornate, si era accomodato in panchina calcando il terreno di gioco solamente nell'impegno di Coppa Italia a Messina. L'esperienza, la grinta, la saggezza e l'attaccamento alla maglia di Biagianti, caratteristiche che fanno del centrocampista toscano uno dei migliori finora in casa Catania, sono mancate sin troppo al debole e svigorito centrocampo rossazzurro che, specialmente nella prima frazione, è stato inferiore al medesimo reparto avversario.

Altra assenza non di poco conto, quella del catanese Bucolo che, nelle ultime partite è riuscito a guadagnarsi il ruolo di playmaker del Catania, conseguendo anche ottimi risultati. Il suo inserimento, nel corso della ripresa, ha decisamente mutato l'andamento preoccupante della gara che, poco dopo il suo ingresso in campo, ha visto la compagine etnea riuscire nell'impresa intricata di sbloccare lo zero a zero iniziale.

E' assiomatico come questa squadra si sia pienamente cullata sulla presenza perpetua di alcuni elementi chiave nello scacchiere "rigoliano" e che, in mancanza di essi, rischia di non ottenere il massimo della posta in palio seppur con squadre discrete e che hanno un divario irrefutabile nei confronti del gruppo rossazzurro. Quando si parla incessantemente di mercato e del bisogno primario di fare spesa nel reparto avanzato, forse serve notare come, probabilmente, rischia di rivelarsi dannoso proseguire con un centrocampo che può contare solamente su due/tre pedine riuscitesi totalmente a calare in questa avventura ai piedi dell'Etna.