ESCLUSIVA - MURALES MASSIMINO, parla Marusic: "Circa tre mesi per realizzarlo. Ecco tutti i dettagli"

16.03.2017 11:07 di Veronica Celi Twitter:    Vedi letture
ESCLUSIVA - MURALES MASSIMINO, parla Marusic: "Circa tre mesi per realizzarlo. Ecco tutti i dettagli"

La commissione di valutazione ha scelto. Sarà Andrea Marusic l'artista che realizzerà il murales all'esterno dello stadio "Angelo Massimino". Il progetto, promosso da “Tutto il Catania minuto per minuto”, “Quelli del ’46-Radio Lab” e il “Comitato Géza Kertész”, prevede la rappresentazione di cinquantuno personalità della storia del Calcio Catania per le pareti perimetrali prospicenti alla via Cibali, e corrispondenti alla Curva Sud e alla Tribuna B.

TuttoCataniaNews ha intervistato Marusic, già autore di diversi lavori in giro per la città (Piazza dell’Elefante a Librino, Piazza Beppe Montana in via Galermo, il quartiere di San Berillo, e la circonvallazione), e protagonista di diverse manifestazioni di graffiti e street art in tutta Italia.

Quando inizierà la realizzazione del murales? E quanto tempo impiegherai per ultimarlo?

"Non si sa ancora. Oggi vado in Comune per parlare della conferenza stampa. Di conseguenza capirò grosso modo quando inizieranno i lavori. Sicuramente a breve. Per ultimarlo, impiegherò circa tre mesi, come ho indicato nel progetto".

Qualche dettaglio tecnico-stilistico sul murales. Cosa sarà messo in evidenza? Colori, particolari...

"Il fondo sarà grigio, come il colore dei palazzi in centro. I personaggi saranno raffigurati ognuno con la maglia rossazzurra dell'epoca. I volti saranno realizzati in bianco e nero, per evidenziare proprio il contrasto tra il giocatore e la maglia".

Hai già realizzato il murales di un altro personaggio celebre in territorio catanese: si tratta di Candido Cannavò, famoso giornalista, il cui ritratto è situato in piazzale Oceania. Dei 51 protagonisti che saranno raffigurati all'esterno del Massimino, chi metteresti più in risalto?

"Non c'è un motivo per metterne uno più in risalto dell'altro. Nel disegno hanno tutti la stessa importanza. Forse il presidente Massimino ha un po' più di spazio attorno, è più in vista, considerato il suo spessore. In proporzione, comunque, saranno realizzati tutti sulla stessa scala".

Segui il Catania? Cosa ne pensi del percorso in campionato della squadra rossazzurra, e degli avvicendamenti tecnici e societari?

"Non seguo molto il calcio. Quindi non sono molto aggiornato sulle vicende che riguardano il Catania".