MATERA, ds Fernandez: "Dispiace per il Monopoli. Contento per il Catania, riferimento per gli argentini"

10.05.2016 09:58 di Veronica Celi Twitter:   articolo letto 188 volte
MATERA, ds Fernandez: "Dispiace per il Monopoli. Contento per il Catania, riferimento per gli argentini"

Chiude in bellezza il Matera davanti al proprio pubblico: 1-1 in rimonta contro il Monopoli. Si conferma così tra le compagini più in forma del Girone C di Lega Pro. In esclusiva ai microfoni di Itasportpress.it, il direttore sportivo Mariano Fernandez analizza la stagione dei lucani:

Sesto posto a quota 53 punti. Il Matera conclude il campionato nella parte alta della classifica. Si ritiene soddisfatto del percorso dei lucani, partiti a rilento ma capaci di ingranare dalla nona giornata in poi?

"Posso ritenermi soddisfatto del campionato del Matera. I ragazzi, nonostante le difficoltà iniziali, sono riusciti a riprendersi. Determinante, in questo senso, è stato l'esonero di Dionigi e l'arrivo di Padalino in panchina. Resta un po' di rammarico perché non abbiamo agguantato i playoff. Ma le dirette concorrenti (Benevento, Foggia, Lecce, Casertana e Cosenza), sono squadre dotate di tecnica di un certo livello, e meritano di occupare i primi posti in classifica".

Nonostante il Monopoli fosse motivato dalla corsa alla salvezza, il Matera non disattende le aspettative: onora il campionato, tanto da agguantare l'1-1. Cosa ha spinto i lucani a tenere a bada a sufficienza lo spirito battagliero della compagine pugliese?

"E' stato spontaneo. Era normale che il Matera avrebbe fatto il suo dovere fino all'ultima giornata di campionato. Già in precedenza, nonostante la pesante sconfitta di Pagani, ci eravamo riscattati contro l'Ischia vincendo 4-1. Non abbiamo mai abbassato la guardia. Contro il Monopoli, comunque, abbiamo incontrato non poche difficoltà. Mi dispiace, infine, per i pugliesi, ma credo che se giocheranno i playout con la stessa intensità con la quale sono scesi in campo a Matera, non avranno problemi a conquistare la salvezza".

Intanto il pari contro i biancoverdi di D'Adderio permette al Catania di salvarsi. Merito anche del Matera, dunque. Da argentino, che effetto le fa sapere che proprio grazie ai lucani, il club rossazzurro, che fino a qualche anno fa assoldava il maggior numero di giocatori argentini in Europa, ha così evitato i playout?

"Per noi argentini Catania ha sempre rappresentato una piazza di riferimento. Sono tanti quelli che hanno vestito la maglia rossazzurra. Sono contento che alla fine della stagione gli etnei si siano salvati".