Catania, nessun accordo con il Comune per l'affidamento dello stadio

 di redazione Tutto Catania News  articolo letto 37 volte
Catania, nessun accordo con il Comune per l'affidamento dello stadio

Sembra distante al momento un accordo tra il Comune di Catania e il Calcio Catania per l’affidamento dello Stadio Massimino. L’assessore allo Sport del Comune etneo Valentina Scialfa, aveva annunciato per oggi un incontro con l’ad rossazzurro Pietro Lo Monaco, unico interlocutore per il sodalizio di via Magenta. “La politica è aperta al dialogo con il Calcio Catania e non si vuole creare problemi particolari. I dirigenti del club etneo dovranno sedersi con noi per trovare una soluzione rapida nel pieno rispetto delle regole e della legalità. Ci vedremo venerdì prossimo per risolvere queste beghe e cercare di superarle per il bene della città”. 

Il dirigente di Torre Annunziata, ai microfoni di Itasportpress.it, però smentisce di avere questa mattina un summit a Palazzo degli Elefanti. “Non abbiamo ricevuto nessun invito dalla Scialfa che evidentemente a parole fa tutto facile. Forse ha preso contatti con l’altro club di Catania visto che nessuna telefonata è arrivata in via Magenta dal Municipio etneo. La situazione per il momento è incancrenita e non sono stati passi avanti da parte delle istituzioni. Noi abbiamo chiesto un incontro, ma la risposta non è mai arrivata. L’assessore Scialfa sta dietro a tutto questo caos e mi piacerebbe che il sindaco Enzo Bianco scendesse in campo in questa situazione che sta danneggiando il Catania anche dal punto di vista economico. Noi chiediamo un incontro col Primo cittadino per sistemare le cose. Sabato scorso non avendo la disponibilità dei botteghini non abbiamo potuto vendere gli abbonamenti. Martedì dobbiamo giocare una partita importante di campionato, ma il Catania in questo momento non ha uno stadio nonostante noi paghiamo regolarmente un canone. Quel documento non lo firmeremo perchè ci sono clausole a nostro svantaggio. Noi vogliamo rifare la convenzione come facevamo tempo fa. Ci rivarremo in tutte le sedi se il club dovesse essere massacrato da questa gravissima situazione”.