Catania, Lucarelli aspetta due rinforzi

 di redazione Tutto Catania News  articolo letto 1249 volte
Catania, Lucarelli aspetta due rinforzi

L’attesa cresce con il passare dei giorni. Fa molto caldo a Catania, ancor più nell’animo dei tifosi rossazzurri, impazienti di scoprire le proposte di Cristiano Lucarelli. Soprattutto di voltare pagina, dopo le delusioni collezionate nella scorsa stagione. Le amichevoli finora disputate, sono servite ad accrescere la curiosità, a scrutare i meccanismi dettati dal 3-5-2 del nuovo tecnico. Resta pur sempre calcio d’estate, ma le prime versioni del Catania non sono assolutamente dispiaciute. Anche se ora tutte le attenzioni della città del pallone sono concentrate sull’esordio di domenica 13 agosto contro la Sicula Leonzio per la Coppa Italia. Facile la premessa: Lucarelli ha tra le mani il Catania che vorrebbe. Aspetta che il mosaico sia completato sul mercato, soprattutto con l’arrivo di un forte attaccante. Intanto ha già sistemato tanti tasselli e sta cementando il gruppo.

DIFESA Sarà schierata quasi sempre a tre. A giudicare dagli elementi utilizzati nei test, è in pole position il trio Tedeschi, Aya, Marchese. Assai probabile che il tecnico parta da loro anche se non va riposta nel cassetto l’idea di dare spazio a Bogdan e Lovric. Il neo arrivato Esposito potrebbe giocare basso o al posto di Semenzato a centrocampo. Lucarelli sarebbe felice se arrivasse un difensore capace di avviare l’azione da dietro e che sia abile nel lancio lungo da 50 metri. 

CENTROCAMPO Lodi è l’unico regista basso a disposizione. Finora ha sempre giocato davanti alla difesa. Biagianti o Bucolo le alternative in quella zona del campo anche se i due hanno ben altre caratteristiche. A supporto di Lodi da mezzo destro potrebbe agire Da Silva oppure la maglia finirebbe sulle spalle di Caccetta con Biagianti in alternativa. Gli esterni del centrocampo a cinque sono Djordjevic e Semenzato. 

ATTACCO Il reparto va completato con una punta da area di rigore che potrà esaltare il lavoro di Lucarelli. Anastasi è ancora imballato mentre Curiale ha già acceso i motori. Pozzebon aspetta novità e ascolta radio mercato. il nuovo Catania ha dimostrato di saper produrre gioco e occasioni. Riuscirà a percorrere gli stessi binari con una posta in palio? Il campo dirà. Fa ben sperare, piuttosto, l’intesa in costante crescita fra i componenti del centrocampo e quelli dell’attacco con Mazzarani in evidenza. Curiale è un centravanti intelligente, lavora per i compagni, è abile nel gioco di sponda e, all’occorrenza, è lesto a sfruttare le sue capacità sotto rete.