Catania, Moriero boccia Lucarelli: "La pressione è uno stimolo e i soldi del Lecce..."

12.02.2018 17:15 di redazione Tutto Catania News  articolo letto 126 volte
© foto di Prospero Scolpini/TuttoSalernitana.com
Catania, Moriero boccia Lucarelli: "La pressione è uno stimolo e i soldi del Lecce..."

Il pareggio contro il Cosenza ha frenato il Catania che adesso si ritrova a -6 dalla capolista Lecce. Il tecnico rossazzurro Cristiano Lucarelli a fine partita ha affermato che la troppa pressione della piazza, la contestazione di una parte di pubblico catanese troppo esigente e la differenza di budget con la compagine pugliese, sono le principali cause che hanno rallentato la marcia della sua squadra al Massimino. Non la pensa così l’ex allenatore del Catania Francesco Moriero che ai microfoni di Itasportpress.it spiega: “Il club etneo ha fatto la storia del calcio italiano e aver allenato in questa stupenda città per me è un vanto e un onore. Detto questo non sono d’accordo quando si dà la colpa all’eccessiva pressione di Catania per giustificare il mancato risultato perchè quando si allena piazze importanti è normale che il pubblico sia più esigente. La pressione quando si allena il Catania è solo un vantaggio perchè ti dà una carica e motivazioni per vincere. Io non l’ho mai sentita o percepita la pressione sia da giocatore che da allenatore e a Catania ho lavorato bene anche se non ho avuto la fortuna di avere tutti i tifosi dalla nostra parte. La pressione significa che la società ti ha messo a disposizione una squadra forte e sai che devi vincere. Lucarelli che ha fatto il calciatore in piazze dove la pressione si sentiva parecchio, probabilmente ha voluto difendere i calciatori dopo il pari col Cosenza e l’ha analizzata così la mancata vittoria. Diversamente sarebbe meglio scegliere altre piazze più tranquille e non allenare il Catania.

LECCE RICCO – Moriero che è stato allenatore anche del Lecce sulla questione finanziaria, non la pensa come a Lucarelli. “Non sono d’accordo quando si dice che il Lecce è più attrezzato del Catania perchè ha speso più dei rossazzurri. I soldi non scendono in campo e non sempre fanno la differenza. Spendere ti aiuta a vincere, ma le partite si giocano 11 contro 11 e le motivazioni fanno la differenza....CONTINUA