Catania, per il bomber gollifero c'è una strategia

 di redazione Tutto Catania News  articolo letto 1266 volte
© foto di Sarah Furnari/TuttoLegaPro.com
Catania, per il bomber gollifero c'è una strategia

Tre giorni e si parte: la Coppa Italia apre ufficialmente la stagione del Catania. Due settimane dopo inizierà il campionato, ma i cantieri saranno ancora aperti. Fine lavori il 31 agosto alle 23 con la chiusura del mercato. Gli etnei che lotteranno per la promozione in B aspettano ancora almeno un pezzo importante: la tessera mancante che può dare un senso a tutto il disegno. I rossazzurri hanno preparato in largo anticipo la torta della grande rivoluzione: formazione titolare rinnovata, grandi nomi, giovani promettenti, l’atteso mix di esperienza ed entusiasmo. Adesso manca la ciliegina, ossia il centravanti che trasformi tutto (i sogni, le ambizioni, le aspirazioni) in gol. Quest’anno il Catania ha bisogno di una certezza nell’area di rigore. Serve un giocatore che nelle giornate di scarsa vena (capitano a tutti) risolva le partite con un guizzo. Una trattativa vera per una punta al momento non c’è. Ma nel mirino ci sono centravanti che rischiano di rimanere in panchina in Serie B e il Catania vuole cogliere il momento giusto per prenderselo subito. Così aspettando il ‘mal di pancia’ di un attaccante gollifero, Lucarelli si tiene stretto Pozzebon, ribattezzato da Lo Monaco a gennaio scorso ‘Pozzodibuono’. Nei test estivi, l’ex Messina è apparso in forma e voglioso di convincere la dirigenza a concedergli un’altra chance. Ma Pietro il Grande e il fido ds Argurio vogliono aspettare che passi Ferragosto in attesa di cogliere altrove il ‘mal di pancia’ di un bomber.