Catania stordisce il Lecce. Vittoria dal profumo di A con Biagianti e Marchese goleador

 di redazione Tutto Catania News  articolo letto 1248 volte
© foto di Federico De Luca
Catania stordisce il Lecce. Vittoria dal profumo di A con Biagianti e Marchese goleador

na notte migliore non poteva esserci per il Catania. L’undici etneo si riscatta dopo le due prime giornate in chiaroscuro e batte al Massimino, nel big-match del terzo turno di serie C, il Lecce. Decidono le reti di Biagianti, il capitano degli etnei, che risolve in mischia un’azione tambureggiante con Caccetta e Russotto protagonisti, poi nella ripresa ecco le reti di Marchese(su splendido assist di Lodi) e Russotto, il migliore in campo, che arrotondano il risultato sul 3-0. Al Massimino si è respirata aria di Serie A con i lampi di Lodi, la forza di Biagianti e la corsa di Marchese.

Si sono affrontate due big del girone in un match vibrante e duro fino all’ultimo secondo. A farne le spese di questa tensione è stato il tecnico Lucarelli espulso per proteste alla fine della prima parte di gara. Catania tonico e lucido al cospetto di un avversario degno. Tre punti di cuore e forza che rendono più salda la panchina di Lucarelli e rilanciano i rossazzurri dopo una partenza a rilento. Domenica prossima sfida contro la Virtus Francavilla (ore 16.30)

ANALISI GARA

Il Catania parte subito tonico. Lucarelli cambia praticamente tutto il centrocampo rispetto alla gara contro la Casertana: solo Lodi in campo dal 1′. I risultati sono evidenti. Corsa, grinta e cuore messo in campo dai rossazzurri nella prima parte di gara. Lodi fa girare la squadra, i due intermedi si inseriscono con continuità e aiutano in fase difensiva. Marchese fa bene entrambe le fasi. Bene l’attacco con Russotto (il migliore in campo) e Curiale che non danno punti di riferimento agli avversari. Difesa compatta in cui i tre centrali, Aya, Tedeschi e Bogdan, si integrano bene e giocano molto sull’anticipo e il fisico. Le occasioni sono molteplici con Aya, Russotto e Curiale, ma Perucchini e una mira imprecisa non danno il vantaggio al Catania. Al 20′, però, il Lecce capitola: cross tagliato di Marchese, colpo di testa di Caccetta respinto da Perucchini, tiro di Russotto con salvataggio sulla linea di Cosenza, arriva Biagianti e insacca. Tripudio al Massimino. I rossazzurri sentono la gara e corrono per tre. Il Lecce, però, non demorde e attacca. Pisseri dice di no a Caturano ed è attento sulle conclusioni dalla distanza. Partita vibrante ed equilibrata. A fine primo tempo Esposito interviene duramente su Di Matteo: Massimi estrae il giallo, ma poteva essere anche rosso. Si scatena una rissa con Lucarelli che viene espulso per proteste.

La ripresa si riparte sempre sul binario dell’equilibrio. Al 50′ Rizzo inserisce una punta (Pacilli) per un mediano (Arrigoni) e gioca con 4 punte. Il Catania attacca con Russotto in grande spolvero che in contropiede mette in difficoltà la difesa del Lecce costretta sistematicamente al raddoppio e al fallo. Al 58′ Lodi su punizione impegna Perucchini bravo, con l’aiuto del palo, a salvare sulla conclusione velenosa del numero 10. RIzzo tenta il tutto per tutto e mette anche in campo anche Tsonev per Ciancio. Ben cinque giocatori offensivi in campo. Il Lecce attacca, il Catania si difende con ardore. Al 77′ arriva il raddoppio del Catania: azione tutta di volo per i rossazzurri con assist di Lodi e conclusione mancina ad incrociare di Marchese che non lascia scampo a Perucchini. Poco dopo arriva anche il tris con Russotto: ripartenza giocata di prima intenzione, Caccetta per Curiale che la mette dentro per l’accorrente Russotto che controlla al volo e scarica di potenza in rete. Finale in discesa e alla fine è festa grande al Massimino. Lucarelli si affida alla vecchia guardia, da Biagianti a Lodi passando per Marchese e vince con merito.

CATANIA-LECCE 3-0

MARCATORI: 20′ Biagianti, 77′ Marchese, 80′ Russotto

CATANIA (3-5-2) 12 Pisseri; 4 Aya, 5 Tedeschi, 26 Bogdan (dal 73′ Blondetti); 21 Esposito (dal 58′ Semenzato), 27 Biagianti (dal 73′ Fornito), 10 Lodi, 8 Caccetta (dal 83′ Bucolo), 15 Marchese; 11 Curiale, 7 Russotto (dal 83′ Di Grazia). A disp. 22 Martinez, 16 Blondett, 32 Mazzarani, 19 Manneh, 20 Djordjevic, 29 Ripa, 34 Rossetti, 35 Ze Turbo. All. Lucarelli.

LECCE (4-3-3) 22 Perucchini; 23 Ciancio (dal 67′ Tsonev), 5 Cosenza, 16 Drudi, 3 Di Matteo; 29 Armellino, 6 Arrigoni (dal 50′ Pacilli), 4 Mancosu; 10 Lepore, 18 Caturano, 7 Torromino (dal 83′ Dubickas). A disp. 1 Chironi, 12 Vicino, 2 Riccardi, 13 Valeri, 14 Megelaitis, 15 Marino, 17 Lezzi, 25 Gambardella. All Rizzo.

ARBITRO: Massimi della sezione di Termoli

AMMONITI: Esposito, Perucchini, Cosenza

ESPULSO: 45′ Lucarelli